#Excel – Come contare i valori univoci in un intervallo con CONTA.SE [Quick Tip]

Se avete bisogno di contare il numero di valori univoci presenti in un intervallo di celle (denominato “dati” nell’esempio qui sotto), è possibile utilizzare una formula che utilizzi CONTA.SE e MATR.SOMMA.PRODOTTO.

=MATR.SOMMA.PRODOTTO(1/CONTA.SE(dati;dati))

Utilizzare CONTA.SE per contare i valori univoci

Come funziona la formula

Partendo dall’interno, CONTA.SE esamina l’intervallo di dati e conta il numero di volte che ciascun valore appare nei dati. Il risultato è una matrice di numeri, che potrebbe assomigliare a questa: {3.3.3.2.2.3.3.3.2.2}.

Dopo che CONTA.SE ha portato a termine il suo compito, i risultati sono utilizzati come divisore di un’operazione con 1 come numeratore. I valori che compaiono nei dati solo una volta appaiono nella matrice come 1, ma i valori che compaiono più volte appariranno come valori frazionari (ad esempio un valore che appaia 5 volte nei dati genererà 5 elementi della serie, con un valore di 1/5 = 0,2).

Infine, la funzione MATR.SOMMA.PRODOTTO somma tutti i valori nella matrice e restituisce il risultato.

Gestire le celle vuote

Se i dati possono contenere celle vuote, è necessario regolare la formula come segue:

=MATR.SOMMA.PRODOTTO(1/CONTA.SE(dati;dati&""))

L’espressione dati&”” impedisce agli zeri di finire nella matrice, nel caso di celle vuote. Questo è importante, perché uno zero nel divisore genererebbe un errore #DIV/0. Questa formula non genera un errore quando ci sono celle vuote, ma includerà celle vuote nel conteggio. Se si desidera escludere le celle vuote dal conteggio, utilizzate:

=MATR.SOMMA.PRODOTTO((dati<>"")/CONTA.SE(dati;dati&""))

Versione matriciale

La versione matriciale di questa formula utilizza la funzione SOMMA come segue:

=SOMMA(1/CONTA.SE(dati;dati))

Possibile impatto sulle prestazioni

Questa è una formula elegante, ma esegue i calcoli molto più lentamente delle formule che utilizzano FREQUENZA per contare valori univoci. Per set di dati piccoli dovrebbe funzionare bene, ma attenzione ai set di dati più grandi.

LEGGI:  #Excel – Come usare le matrici e le formule matriciali – Parte 3

 

Copyright © 2014-2017  Office Academy. Tutti i diritti riservati.
Vai alla barra degli strumenti